Altre prestazioni Altre prestazioni

Attività


Altre prestazioni


Al fine di favorire la stabile occupazione dei lavoratori, EBURT eroga alle imprese che trasformano il contratto a tempo determinato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato (con esclusione del lavoro intermittente) senza soluzione di continuità un contributo forfettario pari all’importo di due mensilità lorde (normale retribuzione comprensiva delle incidenze indirette e differite), riproporzionato in caso di contratto a tempo parziale. Il contributo è erogato al compimento del dodicesimo mese del rapporto di lavoro a tempo indeterminato. L’istanza è presentata dall’azienda al CST – EBURT di competenza del lavoratore per l’acquisizione del relativo parere.

L’azienda deve presentare ad EBURT domanda redatta su apposita modulistica entro 30 giorni dalla data di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Alla domanda devono essere allegati:
1) lettera di assunzione a tempo determinato del lavoratore;
2) lettera di trasformazione a tempo indeterminato del lavoratore;

In caso di incompletezza dei dati, l’azienda sarà invitata a regolarizzare la richiesta entro 10 giorni lavorativi, pena la decadenza della domanda. Sarà facoltà di EBURT richiedere ulteriore documentazione che si rendesse necessaria per l’istruzione della domanda.

Il contributo sarà corrisposto al compimento del dodicesimo mese del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, dietro presentazione della relativa busta paga.
La Segreteria EBURT provvede a segnalare all’azienda l’avvenuta decorrenza del termine utile.

Per le aziende fino a 15 dipendenti che decidono l’installazione o l’adeguamento di sistemi di videosorveglianza al fine di salvaguardare, al contempo, il patrimonio aziendale e la sicurezza dei lavoratori e che allo scopo stipulano un accordo aziendale con le RSA/RSU e/o le OO.SS. territoriali, EBURT riconosce un contributo relativo ai costi di attivazione della pratica e alla formazione degli addetti. Sono esclusi i costi relativi all’acquisto dei beni strumentali.
Il contributo relativo ai costi di attivazione della pratica sarà pari al 50% e, comunque, non superiore a 1.300 €.
Al fine di garantire l’adeguata informazione dei lavoratori in materia di rapporto di lavoro (art. 4 Legge 300/1970), videosorveglianza e privacy (Dlgs. 101/2018 e Linee Guida Garante Privacy in materia di lavoro), il datore di lavoro è tenuto a consegnare preventivamente all’attivazione dell’impianto ad ogni lavoratore il “Vademecum in materia di videosorveglianza” (Allegato 10).

L’azienda per accedere al predetto contributo deve presentare al CST EBURT il modulo correttamente compilato assieme a copia dell’accordo sindacale aziendale e copia delle fatture di spesa sostenute da inviare entro 90 giorni dal pagamento.
Acquisito il parere favorevole del CST, EBURT corrisponde il contributo entro la fine del mese successivo.