Eventi atmosferici 10 luglio 2019 Eventi atmosferici 10 luglio 2019

Attività


Eventi atmosferici 10 luglio 2019


Le Parti Sociali costituenti EBURT hanno deliberato di stanziare risorse per € 100.000 per le imprese e i lavoratori che hanno sostenuto spese legate alla calamità del 10 luglio 2019 che ha colpito la costa della Romagna.

  • Contributo per le imprese

può essere richiesto per un massimo di € 5.000 da ogni impresa che abbia subito danni all’attività a causa dell’evento calamitoso, per il finanziamento di:

a) spese relative a eventuale perizia di agibilità
b) spese relative alla messa in sicurezza dei locali dell’impresa
c) spese per la sostituzione di attrezzature, beni mobili strumentali aziendali danneggiati;
d) spese sostenute per il ripristino dei locali aziendali;
e) ogni altra spesa documentata conseguente a danni diretti o indiretti provocati dagli eventi atmosferici.

L’azienda deve essere in regola con il versamento dei contributi dovuti a EBURT secondo i regolamenti vigenti e si impegna a non effettuare riduzioni di personale sino al 31/12/2019 in presenza della possibilità di accedere agli ammortizzatori in deroga o agli interventi previsti all’interno del sistema della bilateralità.

L‘azienda utilizzerà per la richiesta l’apposita modulistica che dovrà essere inoltrata con la documentazione necessaria al CST di competenza entro e non oltre il 10 dicembre 2019. Entro 30 giorni dalla presentazione della domanda completa, EBURT provvederà di norma ad effettuare la liquidazione del contributo.

Le prestazioni erogate saranno finanziate con risorse individuate dall’esecutivo di EBURT.

Il finanziamento erogato non potrà comunque superare il 50% del danno subito.

Le prestazioni erogate non rientreranno nell’importo massimo erogabile previsto dal regolamento EBURT.

Documentazione di spesa

I documenti di spesa (fattura) devono essere quietanzati ed intestati all’azienda. Deve vedersi chiaramente l’oggetto della spesa sostenuta.

 

  • Contributo a favore dei lavoratori dipendenti

Può essere richiesto dal dipendente per un massimo di € 1.000 per spese sostenute per il ripristino dell’abitazione a seguito di inagibilità e/o per danni provocati dall’evento atmosferico con esclusione degli elettrodomestici catalogati ”nero” e computer/accessori informatici e telefonia. Rientrano fra le spese sostenute anche quelle relative alla riparazione di auto danneggiate per caduta alberi. Il dipendente per accedere alla prestazione deve risultare residente o domiciliato nelle aree sopra indicate e deve essere dipendente di un’azienda in regola con i versamenti dovuti all’ente bilaterale secondo i regolamenti vigenti.

Le prestazioni erogate saranno finanziate con risorse individuate dall’esecutivo di EBURT

Il Lavoratore utilizzerà per la richiesta l’apposita modulistica che dovrà essere inoltrata con la documentazione necessaria al CST di competenza entro e non oltre il 10 dicembre 2019. Entro 30 giorni dalla presentazione della domanda completa, EBURT provvederà di norma ad effettuare la liquidazione del contributo.

Il finanziamento erogato non potrà comunque superare il 50% del danno subito.

Le prestazioni erogate non rientreranno nell’importo massimo erogabile previsto dal regolamento EBURT.

 

Documentazione di spesa

I documenti di spesa (fattura) devono essere quietanzati ed intestati al lavoratore o a persona appartenente al nucleo familiare, anche conviventi di fatto. Deve vedersi chiaramente l’oggetto della spesa sostenuta.

Per quanto concerne i danni subiti alla propria abitazione deve trattarsi di normale domicilio del lavoratore; inoltre possono essere presentate spese quietanzate di perizia (può trattarsi sia di perizia per agibilità che di perizia di inagibilità con prescrizioni), esecuzione lavori di ripristino e/o miglioramento della sicurezza dell’abitazione.

Non sono ammissibili:

PER LE IMPRESE: spese fatturate all’impresa dal legale rappresentante e/o da qualunque altro soggetto facente parte degli organi societari, dal coniuge o da persona appartenente al nucleo familiare anche conviventi di fatto, nonché da imprese a quest’ultimo riconducibili o da professionisti che risultino legati all’impresa richiedente a qualsiasi titolo giuridico o di fatto; le spese fatturate all’impresa beneficiaria da società con rapporti di controllo e/o di collegamento come definiti dall’art. 2359 c.c. o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza.

PER I LAVORATORI: fatture emesse dal coniuge o da persona appartenente al nucleo familiare anche conviventi di fatto, nonché da imprese a quest’ultimi riconducibili o da professionisti che risultino legati al lavoratore da vincoli parentali come sopra descritti.

Presentazione delle domande

Le domande potranno essere trasmesse a mano, per posta raccomandata (vale timbro postale di spedizione) o via mail al CST di competenza sul territorio (allegare copia del documento di identità del legale rappresentante/ o del lavoratore che firma la domanda).

In caso di esaurimento delle risorse stanziate sulle domande comunque pervenute entro il 10/12/2019 verrà utilizzato come criterio di liquidazione l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

L’istruttoria relativa alle richieste di finanziamento di cui ai precedenti punti 1 e 2 sarà fatta dalle commissioni paritetiche costituite all’interno di EBURT.

Vedi il testo dell'Accordo