Attività Attività

Attività


Congedo parentale non indennizzato INPS


Nel caso di fruizione di periodi di congedo parentale non indennizzati dall’Inps, da parte di genitori lavoratori dipendenti, ai sensi e nei limiti dell’art. 32 co.1-2 del D.Lgs. 151/2001 così come modificato dall’art. 9 del DLgs. n. 80 del 15.06.2015, entro il sesto anno di vita del bambino/a, se genitori naturali, o entro i primi sei anni dall'ingresso in famiglia del bambino/a se genitori adottivi o affidatari, sarà riconosciuto l’importo giornaliero pari al 50% della normale retribuzione (art. 148 del CCNL Turismo 20.02.2010 e successive modifiche e/o integrazioni).


Il lavoratore interessato presenterà domanda, anche tramite CST-EBURT, mediante apposito modulo entro i 60 giorni successivi al termine del periodo richiesto.

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • Domanda congedo parentale presentata all’INPS
  • Autocertificazione attestante l’età del figlio
  • Attestazione INPS riguardante la fruizione di tutti i periodi congedo richiesti da entrambi i genitori 
  • Buste paga del periodo di congedo per cui si richiede il contributo

L’importo spettante verrà erogato all’azienda che provvederà, a sua volta, a corrisponderlo al lavoratore nella prima busta paga utile (in tal caso, la comunicazione di accoglimento della domanda verrà inoltrata anche al datore di lavoro) oppure direttamente al lavoratore in casi particolari.